• Anna

Pericoli nel pascolo: tossicità da Festuca

Aggiornato il: 10 feb 2019

#piantetossiche #conosciilprato #alimentazione #primavera



La causa

Un genere di foraggio del gruppo Festuca (Festuca arundinacea) é una pianta da fieno molto utilizzata globalmente: fino a 700.000 cavalli l´anno se ne nutrono;  di per sé innocua e molto gradita f. arundinacea può peró essere infetta da un parassita fungino, il Neotyphodium coenophialum, tossico per gli animali.

Invisibile all´occhio nudo il fungo é evidenziabile solo attraverso analisi del fieno o del pascolo in laboratorio, trasformando con la sua presenza lo spuntino di un erbivoro in un pasto pericoloso; i cavalli sono particolarmente sensibili alla tossina che é pericolosa soprattutto per puledri e fattrici.


F. arundinacea é una robusta pianta perenne con rizomi corti, un sistema radicale molto profondo, steli eretti, foglie larghe dal portamento rigido, ruvide al tatto per la presenza di scaglie silicee, con nervatura mediana accentuata, ligule corte, orecchiette forti e denticolate. L’infiorescenza è un pannicolo con spighette provviste di 3-10 fiori, semi piuttosto piccoli (1.000 semi = 2,5 g) con rachide a sezione circolare.

Somiglia molto nell´aspetto al loglio ma a differenza di quest´ultimo mantiene le foglie ripiegate durante la fase di crescita. In condizioni ideali può superare i 120 cm di altezza con foglie larghe 1-2 cm e lunghe dai 10 ai 60 cm di colore dal giallastro al verde scuro. I margini della foglia in genere non sono taglienti.

Il fungo N. coenophialum crescendo sulla pianta sintetizza sostanze tossiche note come "alcaloidi dell´Ergot" tra cui l´ergovalina. La festuca infetta da funghi che non producono l´ergovalina non risulta colpevole della classica sindrome tossica ma può comunque causare intolleranza alle alte temperature ambientali e ridurre il flusso sanguigno alle estremità causando episodi di laminite.


I sintomi

Le fattrici che ingeriscono festuca infetta sono soggette a problemi riproduttivi quali aborto tardivo, gestazione prolungata (può continuare oltre l´undicesimo mese fino al tredicesimo), distocie, ritenzione placentare, separazione prematura della placenta (red bag), abbassamento dei livelli ematici di prolattina e progesterone e agalassia (mancanza di latte). Se l´ingestione avviene nelle fasi iniziali della gravidanza possono calare i tassi di concepimento e presentarsi morte embrionale precoce.

I puledri che sopravvivono alla tossicità in utero si presentano generalmente piú grandi del normale con unghie molto lunghe e muscolatura scarsamente sviluppata, scarso riflesso di suzione, incoordinazione e bassa temperatura corporea. Su queste basi possono non riuscire ad assumere colostro e andare incontro a mancata immunizzazione passiva correndo il rischio di incorrere in infezioni multiple.

Sintomi meno gravi di tossicità da festuca includono feci molli o diarrea e sudorazione profusa.


La diagnosi

I cavalli sono estremamente sensibili alla tossicitá da festuca, anche livelli minimi di tossine possono causare sintomi importanti. Il modo più semplice per determinare la presenza del fungo infestante la festuca nel pascolo/fieno già consumato è l'osservazione di cavalli generalmente deperiti con presentazioni cliniche simili a quanto descritto finora. Per verificare il sospetto diagnostico è possibile sottoporre un campione di fieno ad analisi di laboratorio.

Prevenzione e terapia

Gli effetti peggiori della tossicità da festuca possono essere scongiurati smettendo di somministrare il fieno infetto e/o rimuovendo i cavalli dai pascoli coinvolti almeno per gli ultimi 90 giorni di gestazione.

Esiste una terapia per la tossicità da festuca (se diagnosticata in tempo) che contrasta i sintomi indotti dalle tossine nelle cavalle a termine di gravidanza. Studi dimostrano che le cavalle trattate possono partorire puledri vivi a termine, sviluppano meglio la ghiandola mammaria e producono più latte.

La terapia ha maggior speranza di funzionamento se iniziata almeno 20 giorni prima della data attesa del parto, e può essere di beneficio anche in cavalle che partoriscono puledri vivi ma hanno problemi di scarsa montata lattea.


Gestione consapevole

Se sul pascolo è presente la festuca è possibile eseguire dei test per rilevare la presenza del fungo contaminante: anche solo il 5% di piante infette possono causare sintomi da tossicità nel cavallo. In caso di test positivi si possono adottare le seguenti misure:

  • Rinnovare il pascolo incorporando la semina di leguminose come erba medica o trifoglio

  • Falciare il pascolo prima dello sviluppo completo della pianta aiuta a mantenere il livello di infezione sotto controllo

  • Rimuovere i cavalli dai pascoli contaminati (o il fieno dalla alimentazione) in periodi di particolare caldo/siccità

  • Rimuovere le fattrici dai pascoli contaminati (o il fieno dalla alimentazione) almeno 30 giorni prima della monta e 90 giorni prima del parto

  • Tenere traccia accurata delle date di inseminazione e programmare i parti

  • Avvertire il veterinario nel caso in cui una fattrice abbia ingerito festuca prima del parto e discutere con lui le varie opzioni

  • Monitorare da vicino e accuratamente le fattrici a termine gravidanza

  • Contattare tempestivamente il veterinario se alla data prevista del parto non si osserva nessun segno di nascita imminente (sviluppo della ghiandola mammaria, rilassamento della vulva e dei muscoli alla base della coda)

  • Contattare tempestivamente il veterinario se il parto non sembra procedere "normalmente" (guarda qui la descrizione e il video di un parto normale)

  • Allontanare fattrici e puledri da fonti di festuca contaminata (pascoli e fieno) fino allo svezzamento per prevenire casi di agalassia (scarsa produzione di latte)


Ricorda: la festuca è un'ottima pianta da fieno e non è nociva di per sè, ma solo per la presenza al suo interno di un fungo che produce tossine. Anche in quest'ultimo caso può essere somministrata come -ottimo- alimento a cavalli non adibiti alla riproduzione. Contatta sempre il tuo Veterinario di fiducia prima di fare scelte alimentari per il tuo cavallo!


Scheda su F. arundinacea di agraria.org


Continua a navigare il sito

115 visualizzazioni

© 2019 by AnnaVet

Anna Bonetto, Piazza Volsinio, Roma

P.IVA 14627311005

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon